A.T.O.M.I.

Cerca

Vai ai contenuti

A.T.O.M.I. news n° 5



Il suono che ci rende magri




Gli ultrasuoni sono conosciuti da diversi anni, ed impiegati con diverse metodologie, per attenuare inestetismi come la lipodistrofia, o cellulite, ed adipositą localizzate su vari distretti del corpo.
I risultati spesso erano insoddisfacenti e lasciavano grandi delusioni.
Adesso con l'innovazione delle metodiche ed i nuovi macchinari siamo arrivati ad ottimi risultati, che possono essere paragonati alla liposuzione chirurgica.
Gli ultrasuoni cavitazionali risultano poco invasivi in quanto per la loro applicazione si servono di un trasduttore che poggiato sulla cute riesce ad eliminare le cellule adipose.

Vi riportiamo in parte il trafiletto dell' articolo apparso su Panorama del 21/8/2008 "Gli ultrasuoni mangiacentimetri"

"ONDE INVECE DEL BISTURI Arriva dagli Usa un macchinario che usa gli ultrasuoni focalizzati per distruggere le cellule adipose e ridurre la pancetta di 1-2 centimetri (una taglia). Il metodo ... viene utilizzato all'Unitą di dermatologia e cosmetologia del San Raffaele di Milano. .... Prima si fa la mappatura del tessuto adiposo;poi il trattamento con gli ultrasuoni ... "Agisce come una liposcultura" spiega Mercuri , responsabile dell' Unitą operativa," Distrugge gli adipociti poi eliminati dal fegato. Nel giro di tre mesi i risultati sono visibili" ....."








Torna ai contenuti | Torna al menu